Il presente e il futuro degli ultra portatili

Eee PCNel giro di un paio di anni(forse 5-6 perchè siamo in Italia), lo scenario informatico mondiale cambierà radicalmente. Perchè? Il motivo è l’invasione degli UMPC, Ultra-Mobile PC, particolari computer ultra portatili di dimensioni a metà strada tra quelle di un palmare e di un tradizionale notebook. Sono questi forse la più grande novità nel panorama computing del 2008. Si tratta di notebook dalle dimensioni ridotte (dai 5 ai 10 pollici di diagonale dello schermo) e con dotazione hardware ridotta per le dimensioni “tascabili”, ma che montano sistemi operativi e programmi di produttività e di corrispondenza usati giornalmente sui desktop in ufficio. Non si tratta certo di una novità assoluta, dato che il concetto di UMPC è nato con l’idea stessa di computer portatile negli anni 70 e si è consacrato negli anni 90 con prodotti come il Toshiba Libretto o l’HP OmniBook, ma ciò che oggi rappresenta una totale novità è il concetto di ultra mobilità a basso costo. Fino allo scorso anno gli UMPC presenti sul mercato non scendevano sotto i 1000 €, ma adesso le previsioni sono ben più rosee e ben più accessibili, anche da quei professionisti che hanno già un portatili e cercano un dispositivo poco ingombrante da portarsi dietro in riunioni e conferenze. Vediamo cosa offre il mercato.

Asus Eee PC Asus Eee PC, annunciato in Italia il 17 Gennaio, deve il suo nome al concetto di Easy to learn, Easy to work, Easy to play. Umpc che monta un Celeron a 900Mhz, disco fisso SSD da 4 GB, Xandros Linux come sistema operativo e un scheda di rete wireless b/g. Potete vederlo in azione in questo video in inglese. Non mi dilungo nelle specifiche che potete trovare un pò ovunque, ma dico solo che ha un prezzo altamente competitivo(abbondantemente sotto i 500€) e una possibilità di utilizzo incredibilmente ampia. Un notebook in miniatura a tutti gli effetti!
Per il resto? Ancora tutto da vedere. Molti rumors, ma ancora poche notizie ufficiali al momento. Si parla molto in questi giorni di MSI Wind, nome che ricorda la nota compagnia telefonica. Per questo subnotebook si parla addirittura di 7 ore di autonomia!Disponibilità da Maggio 2008.
Rimanendo sotto i 500€ si stanno delineando anche altre soluzioni, come l’HP 2133, disponibile da Aprile 200, con schermo a 8,9 pollici, che sembra essere la soluzione più confortevole in termini di spazio occupato/usabilità.
Grandi novità ci aspettano in Giugno, mese in cui uscirà Intel Atom, Cpu progettate per dispostivi ultraportatili e MID (Mobile Internet Devices), ma che potrebbero essere utilizzate anche per notebook e desktop a basso costo. Oltre che per la Cpu, Intel ha inoltre annunciato che il brand Atom verrà utilizzato anche per una nuova piattaforma Centrino. Crentrino Atom, conosciuto con il nome in codice Menlow, è infatti il nome che sarà assegnato ai dispositivi che utilizzeranno la combinazione di Cpu Atom, un chipset a basso consumo con sezione grafica integrata e un’interfaccia wireless che potrebbe integrare funzionalità Wi-Fi, Umts/Hsdpa e WiMax. Intel ha paragonato le prestazioni fornite dalle nuove Cpu Atom con quelle di un Pentium M della generazione Dothan.

Non ci resta che attendere, sperando che l’esigenza di portarsi a conferenze, a fiere di settore o durante i viaggi, un oggetto poco ingombrante, ma dotato di funzioni comuni, venga presto colmata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: